Continuo stimolo (sensazione di) ad urinare: quali sono le cause

I sintomi urinari che verranno menzionati qui di seguito, si possono verificare, sia nel Paziente affetto, da Ipertrofia Prostatica Benigna, che da Prostatite, per iperattivita’ del muscolo detrusoriale. Cio’ che li differenzia e che ci indirizza per porre diagnosi differenziale e’ il tempo di insorgenza, tardiva per l’Ipertrofia Prostatica, veloce per la Prostatite. Inoltre mentre per l’Ipertrofia Prostatica, rappresenta una patologia di origine ostruttiva, per la Prostatite, invece, trattasi di origine flogistica / infettiva.

Perché comprendiate il tutto al meglio, può essere utile consultare anche i cenni di Anatomia e Fisiologia della Ghiandola Prostatica.

  1. Calo del desiderio sessuale ;
  2. Leggero calo dell’erezione;
  3. Presenza di emospermia, tracce di sangue nello sperma (presenza di calcoli nei dotti eiaculatori, visibili attraverso esecuzione di Ecografia Vescico-Prostatica TransRettale);
  4. Eiaculazione Precoce (solitamente causata dalla presenza di microcalcificazioni a livello del Veru Montanu, ed in zona Para-Uretrale, visibili e diagnosticabili, attraverso l’esecuzione dell’Ecografia-Vescico-Prostatica Trans Rettale).
  1. Sintomi Dolorosi;
  2. Sintomi della Sfera Sessuale;
  3. Sintomi urinari;
  4. Sintomi della Sfera Riproduttiva.

I sintomi che verranno elencati di seguito, di solito si evidenziano nei Pazienti affetti da Prostatite Cronica, che da molti anni sono affetti da questa patologia, che presentano ripetute recidive. Inoltre presentano, visto il perdurare della malattia, problematiche psicologiche importanti quali, l’ansia prestazionale.

  1. Dolenzia Testicolare bilaterale o monolaterale;
  2. Senso di fastidio e di pesantezza nella zona del Perineo (area che va dai Testicoli all’ano);
  3. Dolore inguinale bilaterale, come sensazione di slip stretti;
  4. Sensazione di pesantezza nell’Ano, desiderio di defecare, ma senza evacuazione.
  5. Dolore acuto e bruciore sulla punta del Pene, durante e dopo l’eiaculazione.
  6. Dolenzia sovrapubica, a livello della Vescica, con sensazione costante di svuotamento Urinario incompleto.

Una situazione di origine ostruttiva, comunque si puo’ trovare anche nei Pazienti Giovani, in quanto possono mostrare, su base flogistica o congenita, una rigidita’ del collo vescicale, detta Sclerosi del Collo Vescicale.

Parliamo ora attentamente della Sintomatologia della Patologia della prostata, che possiamo dividere in 4 categorie:

Sono quelli che il Paziente avverte con più facilità e sono inconfondibili per porre diagnosi di Prostatite. Questi si fanno più evidenti al cambiare delle stagioni e sono:

Da quanto assume la terapia prescritta?

Quello che posso dire è che molto spesso si tratta di cause non preoccupanti (e l’ipotesi del medico appare più che plausibile), ma ritengo assolutamente necessario verificare con l’aiuto dello specialista, a maggior ragione se si verifica più o meno periodicamente.

I dolori urinari si, sono scomparsi. Le feci non sono mai state il mio forte nel senso che hanno colore diverso di giorno in giorno, ma generalmente poco consistenti. In questi ultimi tempi ho avuto un giorno di stitichezza ed ora ho difficoltà a defecare, ma non ho mai visto colori scuri.

Senza dubbio visita urologica, per capire se si tratti di un problema delle vie urinarie o della prostata.

L’analisi dello sperma permette di misurare quantità e qualità dello sperma e degli spermatozoi. Il paziente raccoglie un campione di sperma in un contenitore speciale a casa, presso un ambulatorio medico o un laboratorio analitico. Il medico esamina il campione durante una visita ambulatoriale o lo invia ad un laboratorio per l’analisi. Un campione di sperma può far rilevare sangue e segni di infezione.

Il valore sembra perfettamente nella norma; l’urologo cosa ha consigliato?

I principali sintomi consistono in genere in dolore o fastidio perduranti tre o più mesi in una o più delle zone seguenti:

La prostatite è una condizione di infiammazione della prostata, e talvolta delle aree circostanti, che può causare uno o più dei seguenti sintomi:

volevo sapere se il farmaco “Ipertrofan” a base di merpatricina è tornato in commercio oppure no, visto che qualche mese fa, è stata sospesa temporaneamente la produzione. Per il mio problema, la merpatricina è un farmaco che mi ha aiutato davvero tanto per la prostatite. Quando ho fatto i cicli, i sintomi si sono affievoliti. In attesa che Ipertrofan sia di nuovo in commercio, sto assumendo la Serenoa Repens, ma non mi fa nulla.