Problemi di erezione a 60 – 70 anni, cause e cure per uscirne

Molte delle cause delle malattie cardiovascolari contribuiscono anche a far sviluppare la disfunzione erettile. Oltre al diabete e all’ipertensione citate prima, c’è anche il colesterolo LDL alto. La disfunzione endoteliale, ovvero i problemi al rivestimento interno dei vasi sanguigni, sembra essere una causa primaria sia della DE che delle malattie cardiovascolari in generale.

Il fatto di fare molto esercizio e di avere un corpo magro viene associato a un più basso rischio di disfunzione erettile, mentre l’obesità, il fumo, la sedentarietà e l’uso di alcol porteranno ad un rischio più elevato. (maggiori informazioni sul legame tra disfunzione erettile e fumo)

Altri fattori di rischio per la DE sono anche l’ipogonadismo (la mancanza di produzione di ormoni sessuali), l’uso di droghe e di alcol, i danni cerebrali, una rara condizione chiamata malattia di Peyronie, il priapismo, la depressione, i problemi nei rapporti interpersonali, l’obesità, il fumo e le malattie renali croniche.

L’erezione non è affatto una cosa semplice, soprattutto in tarda età. Richiede una complessa interazione che coinvolge il sistema nervoso, il flusso sanguigno, gli ormoni e la psicologia dell’individuo. I muscoli all’interno del pene svolgono un ruolo fondamentale nell’erezione. Con la stimolazione sessuale, questi muscoli si rilassano, permettendo al sangue di fluire nel pene per provocare l’erezione.

Però, gli uomini anziani non devono disperare! Esistono moltissimi rimedi naturali per la disfunzione erettile, prima ancora di affidarsi ai farmaci. Infatti, non è sempre detto che sia necessario affidarsi alle terapie farmacologiche, a volte basta semplicemente mantenere uno stile di vita sano, con un’alimentazione corretta e tanto esercizio fisico. In questo modo, anche dopo aver superato i 60 anni, ogni uomo potrà condurre una vita sessuale appagante.

A differenza di chi ha problemi di erezione a 20 anni, la causa di questo problema è legata semplicemente ai normali effetti dell’invecchiamento sul corpo. Con l’età, si verificano dei cambiamenti strutturali del pene che lo portano ad essere meno efficiente. L’età, infatti, porta una minor concentrazione di fibre elastiche e fibre muscolari lisce, le quali svolgono un ruolo importante nell’erezione. Un altro fattore che può portare a sviluppare questo problema dopo i 60 anni è sicuramente legato alle altre malattie. Quando si invecchia, il corpo è più debole, i movimenti sono più lenti e faticosi e il metabolismo è meno efficiente. La disfunzione erettile è spesso associata con l’aterosclerosi, il diabete e le altre malattie che diventano più comuni con l’avanzare dell’età.

In uno studio, un terzo degli uomini obesi sono stati in grado di migliorare la loro DE con un cambiamento dello stile di vita. Un’altra causa comune della disfunzione erettile sono gli interventi alla prostata e gli altri interventi chirurgici.

Le pillole Erectiline favoriscono:
(il prodotto è 100% naturale e sicuro, non è necessaria ricetta medica)

Negli uomini tra i 60 e i 70 anni, il rischio di incorrere nei problemi di erezione aumenta notevolmente, specialmente in coloro che soffrono di ipertensione, diabete o problemi di cuore.

Una causa comune è la scarsa circolazione del sangue nel corpo, specialmente nel pene. Il pene diventa eretto quando il sangue fluisce nel tessuto spugnoso che ne gestisce la lunghezza. Qualsiasi persona con problemi circolatori può sperimentare la limitazione della velocità con cui il sangue può fluire nel pene, quindi l’aumento dei problemi circolatori può creare un aumento dei problemi di erezione.
Le persone con pressione sanguigna bassa, coaguli di sangue, e / o problemi di cuore avranno più probabilità di altri di avere difficoltà di erezione, specialmente dopo i 40 anni. Le persone che fanno uso di alcol, nicotina e cocaina hanno frequentemente problemi di erezione.

Le pillole Erectiline favoriscono:
(il prodotto è 100% naturale e sicuro, non è necessaria ricetta medica)

La disfunzione erettile (DE), che viene a volte indicata come l’impotenza, è l’incapacità di raggiungere o mantenere l’erezione. Ci sono tre tipi di disfunzione erettile: primaria, secondaria e situazionale. La disfunzione erettile primaria si verifica quando un uomo non è mai stato in grado di ottenere l’erezione durante l’attività sessuale. La disfunzione erettile secondaria è più comune e si verifica quando un uomo è riuscito ad ottenere un’erezione durante l’attività sessuale in passato, ma non ci riesce più. Spesso, infatti, problemi di questo tipo iniziano a verificarsi tra i 40 e i 50 anni, quando le energie sono sempre meno.

Il modo migliore per combattere queste sensazioni negative è quello di trasformarle in positive. Dovete rendervi conto che la masturbazione è una pratica completamente sana e normale ed è in realtà un ottimo modo per imparare di più su di voi e sulla sessualità. Spesso, la miglior cura per la disfunzione erettile è quella di comunicare apertamente con il proprio partner cosa state vivendo in modo da poter risolvere il problema insieme. Provate a praticare la tecnica della focalizzazione sensoriale con il vostro partner, che è una terapia che viene comunemente utilizzata per trattare i problemi sessuali come l’anorgasmia femminile, la difficoltà erettile e il calo del desiderio sessuale. Nel tempo, sarete in grado di sostituire i pensieri negativi che potrebbero causare la disfunzione erettile diventando più sicuri e felici durante le vostre esperienze sessuali.

Di seguito sono riportate le linee guida generali che si possono utilizzare per aiutare a prevenire la disfunzione erettile dai 40 ai 50 anni:

Ci sono molti fattori che possono interferire con la capacità di un uomo di ottenere o mantenere un’erezione. Il fattore più comune è l’età: gli uomini di età compresa tra 40 e 50 anni hanno il 14% in più di probabilità di avere problemi di erezione rispetto ai ragazzi tra i 18 e i 24 anni. Con l’aumentare dell’età aumentano i problemi fisiologici e psicologici, che possono essere correlati ai problemi di erezione.

Lo stress è una delle principali cause di problemi di erezione, anche se viene spesso trascurato. Se un uomo subisce una notevole pressione sul lavoro, oppure ha dei problemi con la propria compagna, potrebbe avere difficoltà ad ottenere un’erezione. Questo può essere vero per una serie di ragioni diverse. Durante un rapporto sessuale, può essere distratto da pressanti questioni di vita quotidiana invece che restare immerso nella gioia dell’atto. Questi fattori possono impedire ad un uomo di sperimentare la stimolazione sessuale necessaria per produrre un’erezione di lunga durata. Ovviamente, tutto questo avrà delle gravi ripercussioni a livello della relazione, in quanto provocherà l’insoddisfazione reciproca, ma anche la frustrazione dell’uomo che non è più capace di compiere una certa azione. Riducendo i sentimenti di ansia da prestazione, un uomo potrà superare più facilmente questi problemi.

  • evita di fumare (il fumo restringe i vasi sanguigni e questo potrebbe inibire l’afflusso di sangue al pene, per saperne di più leggi l’articolo su disfunzione erettile e fumo)
  • fai esercizio ogni giorno per avere un buon flusso sanguigno
  • segui una dieta equilibrata, necessaria per raggiungere erezioni forti e durature
  • bevi alcol con moderazione o, meglio ancora, astieniti totalmente dall’assumere queste bevande (l’alcol può inibire la risposta sessuale aumentando la propria ansia di raggiungere l’erezione,per saperne di più leggi l’articolo su disfunzione erettile e alcol)
  • crea un ambiente rilassante prima e durante l’attività sessuale al fine di evitare lo stress o l’ansia
  • comunica con il tuo partner per ridurre lo stress e l’ansia del rapporto sessuale
  • parlane col tuo medico, i problemi di erezione possono essere causati da altre condizioni fisiche

Oggi sono a disposizione numerosi rimedi naturali contro i problemi di erezione), essi possono aiutare a dare più energia e vigore permettendo di avere erezioni solide. Grazie elementi natuali ad alto potenziale afrodisiaco come la Maca e la Damiana, è possibile ritornare ad avere erezioni solide e durature. In particolare chi soffre di sporadici problemi di erezioni causati da cause psicologiche, stress e stanchezza può trarne enormi vantaggi.

Da uno studio pubblicato dal Dr. Luigi Gallo sulla più prestigiosa rivista internazionale dedicata alla medicina sessuale, “The Journal of Sexual Medicine”, emerge che il frenulo breve rappresenta una delle maggiori cause di problemi e fastidi durante il rapporto sessuale, nonché uno dei principali fattori alla base dell’ eiaculazione precoce.

A questo punto, però, bisogna sottolineare un aspetto molto importante: il frenulo breve è nella maggior parte dei casi una anomalia congenita (ossia che si presenta dalla nascita). Pertanto, un uomo affetto da frenulo breve non sa di esserlo e si abitua a svolgere un’attività sessuale scorretta e di qualità non soddisfacente.

In alcuni casi il frenulo può essere non sufficientemente lungo oppure non sufficientemente elastico, tanto da causare una vera e propria patologia uro-andrologica denominata “frenulo corto” o “frenulo breve”.

In secondo luogo, così come dimostrato in studi di neurofisiologia, il frenulo breve rappresenta insieme alla corona del glande la zona più sensibile e più riccamente innervata del pene. Il frenulo breve è pertanto un ricettacolo di terminazioni nervose direttamente esposte alla stimolazione meccanica durante il rapporto sessuale.

L’ intervento di frenulotomia dura circa 30 minuti, viene svolto in anestesia locale e comporta l’astensione dall’attività sessuale per circa due settimane. E’ possibile svolgere una blanda attività lavorativa già il giorno stesso dell’intervento.

Tipicamente un frenulo breve o frenulo corto impedisce la completa retrazione del prepuzio in fase di erezione causando una curvatura del glande verso il basso e un senso di trazione e di fastidio quando il pene si trova allo stato di erezione. Impedendo la completa scopertura del glande, il frenulo breve causa problemi nell’igiene intima.

In tale studio è riportato che addirittura nel 43% degli individui che richiede una visita andrologica per un problema di eiaculazione precoce viene riscontrata la presenza di un frenulo breve (o frenulo corto) all’ esame dei genitali.

La terapia del frenulo breve si basa su un intervento chirurgico ambulatoriale denominato frenulotomia.

Durante l’intervento di frenulotomia il frenulo breve del pene può venire solamente inciso, oppure inciso e rimosso completamente. Successivamente il frenulo del pene viene suturato (frenulo-plastica) tramite punti chirurgici in materiale assorbibile spontaneamente nel giro di una decina di giorni.