PROSTATA INGROSSATA

Pollachiuria. Stimolo continuo ad urinare.

La cura per la prostatite acuta di origine batterica consiste nell’assunzione di antibiotici. La terapia va protratta per un periodo abbastanza lungo (anche superiore alle tre settimane) fino alla completa scomparsa dei batteri perché la prostata si dimostra poco sensibile all’azione dei farmaci.

Poichè la prostata, posizionata subito al di sotto della vescica, è attraversata dall’uretra, quando per una qualsiasi causa si ingrossa, ne strozza il lume e compromette il normale deflusso delle urine.

Qualunque sia la patologia scatenante dell’ingrossamento della ghiandola fondamentale è alleviare la sintomatologia e quando è possibile eliminare la patologia scatenante.

Approfondiamo le cause ed i sintomi della prostata ingrossata. Analizziamo i rischi e le cure farmacologiche o naturali. Quale dieta bisogna seguire? E quali sono le patologie che determinano l’ingrossamento della ghiandola? Scopriamolo.

La prostata è una ghiandola dell’apparato genitale maschile della grandezza di una noce, posta subito al disotto della vescica e davanti all’intestino retto, è attraversata dalla uretra, che convoglia per l’escrezione le urine provenienti dalla vescica. La sua funzione è la secrezione del così detto liquido prostatico. Questo all’atto della eiaculazione viene convogliato nell’uretra e qui si unisce ad altri fluidi escreti per costituire insieme a questi il liquido seminale.

Meno efficace è invece in caso di tumori a rapido accrescimento data l’alta probabilità di diffusione ad altri organi.

Come detto l’ingrossamento della prostata è un segno che si manifesta insieme a numerosi altri sintomi che variano in funzione della patologia che interessa la ghiandola.

limitare lo stress.

  • IPB: necessità di urinare più frequente, bisogno di urinare di notte, getto urinario ridotto, tempo di attesa per urinare aumentato.
  • Tumore della prostata: molto spesso non c’è alcun sintomo

Controlli, diagnosi e prevenzione

Riassunto sinottico per sottolineare le differenze tra Ipertrofia Prostatica Benigna e tumore prostatico

Un check up prostatico è consigliabile SOPRA I 50 anni nei soggetti normali, mentre nei soggetti con familiarità per patologie prostatiche, soprattutto tumore, o di razza afroamericana, conviene anticipare il controllo a 40 anni.

Introduzione

“dottore, ho la prostata ingrossata…non vorrei che si trattasse di un tumore…”

Conclusioni

Sintomi e segni

La sintomatologia è quasi sempre legata all’IPB, mentre il tumore resta silente.