Schede descrittive patologie comuni Sangue nelle urine Versione mobile

Traumi della regione pelvica. Un esempio è costituito da quelli che possono verificarsi andando in bicicletta in special maniera in mancanza di allenamento specifico.

Soffrire di problemi della vescica per cui si necessita l’uso di un catetere per drenare le urine. L’introduzione di questo nell’uretra può produrre irritazione ed infezioni della prostata.

Le complicanze della prostatite sono:

Evacuazione difficoltosa ed incompleta della vescica.

Esaminiamo i sintomi e le cause della prostatite in forma acuta e cronica. Scopriamo le cure farmacologiche e naturali e i rischi che possono derivare dalla prostata infiammata.

Problemi gastrici con nausea e conati di vomito.

Bagni caldi. Servono a rilassare la muscolatura e ad alleviare la sintomatologia dolorosa.

Traumi provocati da sforzi intensi o pratica sportiva usurante.

Esistono anche trattamenti non farmacologici, cure naturali che possono attenuare la sintomatologia, i più comuni sono:

A volte il corpo trattiene piщ acqua di quanta ne serva per il suo funzionamento. Questa condizione, conosciuta come ritenzione idrica, puт causare gonfiore lieve al volto, occhi, mani ed alle caviglie.Segni che spesso sono provocati dagli ormoni pre-mestruali, da un’alimentazione eccessivamente ricca di sale, o da un cattivo funzionamento renale. Per prevenire o ridurre la ritenzione idrica importante и tener d’occhio l’alimentazione, evitare cibi salati (come insaccati, salse pronte, dadi, patatine, uova, latte, frutti di mare, salatini e arachidi), privilegiare quelli poveri di sodio (patate, pompelmi, fagiolini, prezzemolo, asparagi selvatici,mandarini, frutta in genere), bere molta acqua naturale che drena i sali dai tessuti e dal corpo attraverso le urine. Consumare quando и possibile semi di anguria, melone e cetriolo che contengono una sostanza chiamata ucurbocitrina che sembra aumentare la permeabilitа dei capillari dei reni facendo passare piщ acqua del solito nelle urine. Se le caviglie cominciano a gonfiare, specialmente a fine giornata, provate a sollevare le gambe: questa posizione permette ai fluidi ristagnanti nelle gambe di defluire piщ facilmente verso il cuore e quindi ai reni dove possono essere espulsi.

E’ una malformazione ereditaria piuttosto diffusa che colpisce una persona su 1000. Non dа quasi mai sintomi anche perchй le cisti si formano dai 40 anni e si notano soltanto attraverso accertamenti ecografici. Il rene policistico va tenuto sotto controllo perchй le cisti a volte possono impedire il normale lavoro di filtrazione renale. Rene a ferro di cavallo E’ un’anomalia congenita presente circa in una persona su 600 con frequenza doppia negli uomini. E’ caratterizzata dalla malrotazione e dall’unione dei reni all’estremitа superiore o inferiore per cui invece di essere separati assumono una forma a ferro di cavallo. Proprio perchй si tratta di un’anomalia congenita che per anni non da’ segno di sй, ci si accorge occasionalmente di tale patologia (per esempio alla prima ecografia eseguita per altri motivi). Vi и, perт, una maggiore predisposizione alla calcolosi ed alle infezioni delle vie urinarie in questi pazienti.

TUMORI BENIGNI DEL RENE

E’una sindrome che si manifesta con i sintomi tipici dell’infiammazione e/o dell’infezione della prostata, compresi la difficoltа a urinare e un aumento della frequenza, dolore tra lo scroto e l’ano, fastidio e/o dolori diffusi al di sotto dell’ombelico, e durante l’eiaculazione. La prostatite puт essere batterica o senza batteri, acuta o cronica. I pazienti senza batteri si dicono affetti da prostatodinia e non da prostatite, pur in presenza degli stessi sintomi, tali pazienti presentano in genere un carattere particolarmente ansioso e apprensivo e una professione particolarmente stressante.

Se hai bisogno di capire il significato di alcune parole clicca sull’immagine.

Sintomi quali dolori addominali o ai fianchi, ipertensione arteriosa anche in giovane etа, ematuria o una massa su un fianco che risulti palpabile a un esame obiettivo possono indurre a eseguire un esame radiografico/ecografico. Un numero sempre piu’ crescente, perт, di masse renali viene attualmente scoperto in pazienti completamente asintomatici che si sottopongono a un’indagine addominale non invasiva, quale l’ecografia o la TAC, per altri motivi. Addirittura il 50% del piu’ comune tipo di tumore del rene viene rilevato casualmente in questo modo. Ma a cosa ci possiamo trovare di fronte quando diciamo massa renale? Per esempio a una cisti renale benigna, un ascesso, un ematoma, un infarto renale, un’angiomiolipoma, un oncocitoma (tipo di tumore), o a un tumore a cellule chiare del rene. Le indagini disponibili per formulare una diagnosi comprendono senza dubbio l’Ecografia, la Urografia/TAC e l’Arteriografia (in taluni casi).

CARCINOMA DELLA PROSTATA

E’ un’infezione delle alte vie urinarie, soprattutto della cavitа e del tessuto renale. Di solito и provocata da batteri e se viene trascurata puт portare all’insufficienza renale cronica. La pielonefrite ACUTA и un’infezione della pelvi e del parenchima renale provocata spesso dai germi responsabili delle cistiti, dall’Escherichia coli allo Stafilococco, che raggiungono il rene attraverso il sangue o le vie linfatiche, ma anche risalendo le vie urinarie come per esempio durante una cistite asintomatica o trascurata o particolarmente aggressiva. La colpa puт esser anche di un eccessivo ristagno dell’urina o la conseguenza di una colica renale: un calcolo puт irritare l’apparato urinario permettendo ai batteri di agire. I sintomi della pielonefrite acuta sono malessere generale, febbre alta, nausea, a volte ematuria, dolore sordo e penetrante al rene che si puт diffondere a tutta la schiena. Scoperti con l’urinocoltura i batteri in causa, la terapia и a base di antibiotici. La pielonefrite CRONICA compare invece, per un meccanismo errato di eliminazione delle urine che dopo essere state raccolte nel bacinetto renale non sono convogliate negli ureteri e ristagnano oppure refluiscono al rene dalla vescica: ciт puт essere dovuto a una malformazione o a un calcolo che ostruisce l’uretere. Non sempre i sintomi sono evidenti, ma puт comparire stanchezza, ipertensione, nausea, presenza di globuli bianchi nelle urine. Si cura con antibiotici e non va trascurata per evitare che alla lunga porti all’insufficienza renale cronica.

CARCINOMA A CELLULE TRANSIZIONALI DELLA VESCICA